Browse By

Mole Costruzione Artigianale Almas: è lei la prescelta

Primo debutto nazionale per l’Almas al Salone di Torino Parco Valentino, l’ultima creazione di Umberto Palermo e della sua Mole Costruzione Artigianale. Sarà lei la prima vettura di “serie” della casa italiana.

DESIGN – Moderna e filante, l’Almas si presenta come un perfetto connubio tra modernità e stile classico italiano. Il muso, basso e spigoloso, richiama nei tratti il design vincente proposto con la Mole 001. La grande bocca centrale, che ospita al centro il tradizionale emblema della casa, slancia ed alleggerisce il frontale. Lateralmente sorprendono i passaruota marcati, che per un tratto lasciano quasi scoperte le ruote, ma permettono di unire l’anteriore moderno col posteriore più classico. Il tetto, spiovente verso la coda, e la lunghezza di 473 cm regalano alla Almas proporzioni da granturismo. Inedite le feritoie lungo il montante posteriore e sul lunotto che rievocano i tempi ed il design della gloriosa Lamborghini Miura. Moderni ma poco ben integrati tra le linee sinuose della carrozzeria i fari anteriori e posteriori: Umberto Palermo ci ha svelato però in anteprima le sue idee sui gruppi ottici e, dobbiamo ammettere, che anche questa volta ha fatto centro. Grintoso l’enorme estrattore posteriore che integra 4 tubi di scarico.

MOTORE E MECCANICA – Il motore, installato in posizione centrale, sarà a scelta: termico o elettrico, in particolare ad idrogeno. Questa possibilità di scelta, ci ha raccontato Umberto Palermo, permetterà di personalizzare ancor più la propria vettura a due posti. Il lusso e l’esclusività sono sottolineati dai materiali impiegati per la costruzione della Almas, come ad esempio il carbonio per la carrozzeria ed il telaio, aspetto fondamentale per ridurre il peso e per abbassare il baricentro della vettura.

Ancora non abbiamo molte informazioni sulla versione di “serie” che verrà prodotta, ma dopo aver osservato la Almas al Salone di Ginevra 2019 e sotto la luce naturale del Parco Valentino, possiamo affermare con convinzione che sarà un successo. Non vediamo l’ora della versione definitiva per potervela raccontare.

Lascia un commento